biossidazione-acetica

La Biossidazione Acetica dell'Aceto Balsamico Tradizionale

La biossidazione acetica è una fase naturale di trasformazione del mosto cotto fermentato che contribuisce alla creazione dei caratteri aromatici tipici dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP.

Con l’approssimarsi della primavera il mosto cotto fermentato viene successivamente aggiunto in una serie di prime botti, chiamate “badesse” o “botti madri”, dove risiede perennemente una buona metà di prodotto già acetificato, una sorta di “madre dell’aceto”.

Qui gli acetobatteri ogni anno si occupano di trasformare il mosto cotto fermentato in aceto di mosto, che è la materia prima dell’Aceto Balsamico. Nello specifico, gli acetobatteri intervengono “mangiando” ogni parte di alcol e trasformandola in aceto.

Il processo è completamente naturale e spontaneo, governato da innumerevoli variabili legate sia alla genuinità della materia prima sia alla stagionalità (annuale) della stessa. In Acetaia del Cristo abbiamo un sovrannumero di “badesse” che ci consente annualmente di selezionare l’estrazione soltanto da quelle che meglio hanno sviluppato le caratteristiche ideali del “mosto acetificato” che sarà poi il rincalzo delle “batterie” produttive in Acetaia.

Trascorsi almeno 12 anni sarà possibile, poi, prelevare il “primo” Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, definito anche “affinato”, dal barile più piccolo della Batteria. Questo incredibile “oro nero” avrà sviluppato un bouquet di aromi, sensazioni e profumi unico nel suo genere.

Con Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Extra Vecchio si intende, invece, un prodotto invecchiato almeno 25 anni sempre all’interno di pregiati barili di legno che gli avranno donato aromi ancora più intensi e persistenti.

 


sirha-acetaia-del-cristo

Acetaia del Cristo partecipa a SIRHA 2019

Dal 26 al 30 gennaio, a Lione presso Eurexpo, avrà luogo SIRHA, evento mondiale che raduna tutte le eccellenze alimentari e della ristorazione.

Acetaia del Cristo sarà in prima fila a SIRHA, un salone fervido d'ispirazioni e d'innovazione, palcoscenico ideale per presentare in maniera unica i propri prodotti.

In particolare, durante le finali del Bocuse d'Or, il campionato mondiale di cucina a cadenza biennale, gli Chef avranno a disposizione anche l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Diamante Nero di Acetaia del Cristo, uno speciale Extra Vecchio prelevato da antiche batterie di oltre 50 anni!

 

L’Aceto Balsamico Tradizionale D.O.P. è un prodotto che racchiude l’essenza della tradizione modenese, la passione e l’esperienza di anni e di generazioni che si sono tramandate un’eredità tanto preziosa quanto carica di significati, di profumi, di emozioni.

Invecchiato almeno 12 o oltre 25 anni in preziose batterie di legni pregiati e custodito gelosamente nei sottotetti di Acetaia del Cristo, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. sprigiona sensazioni uniche, esaltando ogni genere di piatto.

 

Acetaia del Cristo vi aspetta presso lo stand 6H87

 


Black Friday 2018

BlackFriday 2018

Siete alla ricerca del vero Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP? Approfittate del BlackFriday per acquistarlo!

Quest’anno il nostro BlackFriday inizia prima con un super sconto su uno dei nostri prodotti top: Confezione regalo in eco-pelle di Extra Vecchio con cucchiaino in ceramica e tappo dosatore in vetro soffiato scontato del 30%.

Ma non finisce qui! Sconto 20% su tutti gli altri Aceti Balsamici Tradizionali di Modena DOP … Cosa aspettate?

Da Fino a lunedì 26 potete approfittare di queste speciali promozioni per acquistare i vostri regali di Natale.

Visita il nostro  shop online, crea la tua personale lista dei desideri e usufruisci degli straordinari sconti.

Dulcis in fundo … la spedizione in tutta Italia la offriamo noi!

 


vincitori acetaie aperte 2018

Vincitori BalsamiQUIZ e SelfieinAcetaia 2018

Come promesso, eccoci qua per ringraziarvi ancora per la numerosa affluenza in occasione di Acetaie Aperte 2018!

Siamo stati felicissimi di accogliervi in acetaia e di condurvi alla scoperta del magico mondo dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP.

Inoltre, come ogni anno, abbiamo apprezzato la partecipazione ai nostri contest "BalsamiQUIZ" e "SelfieinAcetaia" che, seppure ormai noti, hanno riscosso come sempre molto successo.

Eccoci, dunque, a elencare i nomi dei vincitori ...  i primi 3 che hanno raggiunto il massimo punteggio nel BalsamiQUIZ, in ordine cronologico e che si aggiudicano rispettivamente un Diamante Nero, un Extra Vecchio oltre 25 anni e un Affinato 12 anni sono:

  1. Bellodi Elisa       160/160 il 30/09/2018 ore 17:08
  2. Debora                 160/160 il 30/09/2018 ore 17:37
  3. Strada Marco     160/160 il 30/09/2018 ore 18:13

Per quanto riguarda il "SelfieinAcetaia", ecco l'elenco dei selfie più votati, a partire dai 10 likes, tra Instagram e Facebook. Anche in questo caso, SOLO i primi 3 si aggiudicano un premio speciale, niente meno che un Diamante Nero:

  1. Fidel_Gatto - Mattia Balestrazzi                      177 likes
  2. Uma_Peregrina_Oh                                            98 likes
  3. Elena Rota                                                             83 likes
  4. Chiara Monto                                                        66 likes
  5. Honolulu.style                                                      61 likes
  6. Elda Anticati                                                         60 likes
  7. Michele Peruzzetto                                              32 likes
  8. Sara Malagoli                                                        30 likes
  9. Vittorio Gazzini                                                    26 likes
  10. Marco Lugli                                                           24 likes
  11. Beloved_Gabriel                                                  18 likes
  12. Mattia Balestrazzi                                                17 likes
  13. Bacri66                                                                   11 likes
Le premiazioni dei vincitori si svolgeranno SABATO 6 OTTOBRE ALLE ORE 10.00 presso Acetaia del Cristo. Tutti i vincitori sono invitati a venire a ritirare il premio nella data indicata.

Grazie ancora per averci fatto compagnia per Acetaie Aperte e per averci sostenuto con la vostra collaborazione!

 


forti_come_laceto_acetaia_del_cristo-pallavolo_modena-casamodena

Forti come l'Aceto Day 2011

In occasione del "Forti come l'Aceto Day 2011", ACETAIA DEL CRISTO ha presenta “L’ACETO DEI CAMPIONI GIALLOBLU”!

Giornata speciale al PalaCasaModena dedicata all'ACETAIA DEL CRISTO, prezioso e prestigioso compagno di viaggio di Pallavolo Modena.

Una novità assoluta, prodotta, dedicata e riservata alla nostra squadra del cuore: si tratta di Aceto Balsamico di Modena I.G.P. di qualità sopraffina che potrà essere acquistato esclusivamente al Palazzetto dello Sport o in ACETAIA, non sarà reperibile altrove!

Un altro prodotto di qualità, dunque, che si aggiunge al catalogo dell'ACETAIA DEL CRISTO che già offre la più Completa Gamma per tipologia e invecchiamenti di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, il fiore all'occhiello delle eccellenze e della Tradizioni del nostro territorio modenese!

Volete maggiori informazioni sui prodotti Acetaia del Cristo? Cliccate qui e scoprite il nostro catalogo!

Singole Eccellenze per una Squadra Vincente alla Conquista del risultato MIGLIORE!

 


Batteria Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP

La batteria di Aceto Balsamico Tradizionale, una tradizione di famiglia

A Modena, è usanza tra le famiglie Modenesi avviare una nuova batteria, cioè una serie di botticelle di diversi legni e dimensioni, alla nascita di un figlio o di un nipote o cederla in dote alle figlie al momento del matrimonio. È proprio così che sono nate tante acetaie familiari nelle soffitte di casa, arricchite di anno in anno dall’invecchiamento del prezioso “oro nero modenese” conosciuto anche come Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P.

Il segreto di questo prodotto è presto svelato: in primis la materia prima, unicamente mosto cotto ottenuto da uve autoctone modenesi, il tempo e le sapienti cure da dedicare alle botti di legno che devono essere accudite proprio come i bambini.

Il disciplinare di produzione che regolamenta ogni singola fase del processo produttivo di questo delizioso elisir prevede che l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP si ottenga esclusivamente dal SOLO mosto cotto di uve autoctone modenesi quali Ancellotta, Berzemino, Lambrusco, Occhio di Gatta, Sauvignon, Trebbiano, Sgavetta, oltre che altre DOC e DOCG, senza aggiunta di alcuna altra sostanza.

Inoltre, è necessario avere molta pazienza e saper attendere almeno 12 anni per ottenere un Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P come si suol dire “affinato” o oltre 25 anni per assaggiare il delizioso Extra Vecchio.

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena è, quindi, sempre e solo prelevato dalla botticella più piccola e rappresenta il 3% dell’intera riserva.

Annualmente, al fine di ripristinare i livelli, la modesta quantità di prodotto prelevato viene sapientemente “rincalzata” (ossia rimpiazzata) mediante travaso attingendo, secondo un criterio ben definito, dalle botti più grandi verso le più piccole.

I naturali scambi climatici, dettati dal susseguirsi delle stagioni, favoriscono i naturali processi biologici di fermentazione alcolica, di ossidazione acetica e di lisi enzimatiche portando alla formazione della struttura e alla Balsamica complessità aromatica.

I lunghi processi di invecchiamento completano il pieno sviluppo conferendo il carattere agro-dolce dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP.

L’imbottigliamento finale verificato in qualità per ogni singolo lotto avviene sotto la severa supervisione di un’apposita commissione di assaggio e l’inconfondibile ampollina “Giugiaro Design” da 100 ml, unica per legge, è la sola che possa contenere il vero Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P.

 


red-friday

Lo sapevate che il RedFriday ha origine dal Black Friday?

L’origine del RedFriday è da ricondurre al Black Friday, evento ben più noto anche in Italia.

È necessario fare un bel passo indietro a venerdì 31 luglio 1925 quando il governo britannico accettò le richieste della Federazione dei Minatori della Gran Bretagna di fornire un sussidio all'industria mineraria per mantenere i salari dei minatori.

Il Daily Herald ha chiamato questo giorno il “venerdì rosso” o per l’appunto “Red Friday”; una sconfitta sindacale quattro anni prima era stata chiamata "Black Friday".

Per ricordare questo evento storico abbiamo pensato di offrire uno sconto del 15% su tutti i nostri Aceti Balsamici Tradizionali di Modena D.O.P.!

È sufficiente collegarsi al nostro shop online, scegliere i Balsamici Tradizionali preferiti e inserire il codice sconto REDFRIDAY.

Vi aspettiamo online!


Progetto Foodblogger

Progetto FoodBlogger “Tradizione e Innovazione”

Oggi vogliamo presentarvi il nuovo progetto di Acetaia del Cristo che coinvolge alcune foodblogger selezionate che creeranno piatti fra "Tradizione e Innovazione"!

Come funziona?

Molto semplice, ad alcune note food blogger è stato chiesto di realizzare alcuni piatti ispirati alla tradizione e altri più innovativi e originali. L’ingrediente principale sarà sempre l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP!

Ovviamente, ogni ricetta sarà replicabile da tutti e, se vorrete mettervi alla prova con queste preparazioni, che sfida sia!

Nelle prossime settimane pubblicheremo le ricette che le nostre food blogger realizzeranno e vi chiederemo di commentarle e votarle.

Stay tuned per essere tra i primi a dare un voto alle ricette che popoleranno la nostra sezione -> Ricette e i nostri social principali.

Vi aspettiamo online!


cena-sensoriale-aceto-balsamico-tradizionale

CENA SENSORIALE A BASE DI ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI MODENA DOP

E se vi dicessimo che abbiamo organizzato una Cena Sensoriale a base del nostro Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP?

Sì, proprio così, in collaborazione con Corte San Ruffillo, un magnifico borgo romagnolo composto da agriturismo, resort e ristorante, è stata creata un’esperienza sensoriale unica.

Una cena realizzata interamente con prodotti tipici romagnoli esaltati da una selezione dei nostri Aceti Balsamici Tradizionali.

Fil rouge, il rispetto per la natura ed i suoi tempi, scanditi dalle stagioni e l’amore per i suoi frutti.

In occasione di “M’illumino di meno”, un’iniziativa simbolica finalizzata alla sensibilizzazione al risparmio energetico e alla salvaguardia della nostra amata Terra, prende forma la nostra Cena Sensoriale.

Venerdì 23 febbraio, dunque, tra le mura di Corte San Ruffillo, gli ospiti potranno godere di una cena a lume di candela assaggiando le numerose eccellenze enogastronomiche proposte dalla location.

Ospite d’eccezione, il nostro Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP.

Cosa aspettate?

Se siete interessati, date un’occhiata al menù  e prenotate subito un posto a tavola!

Vi aspettiamo?


Ginepro:aromi del legno

Ginepro: aromaticità del legno e delle botti per il Balsamico Tradizionale

Il Ginepro è oggi una pianta rara e quindi protetta e la resa di questa tipologia di legno è scarsa. Infatti, si presenta in forme diverse a seconda dell’ambiente in cui si trova e cresce: alberello nelle vallate e arbusto cespuglioso nei pendii dei colli e dei monti.

Pianta di Ginepro

Inoltre, per costruire un barile di Ginepro occorrono moltissime doghe, lo scarto di lavorazione è altissimo e i vaselli che si ottengono sono solitamente di piccole misure. È facile intuire che per questi motivi anche i costi siano elevati.

Grazie alle sue spiccate caratteristiche aromatiche, questo legno cede per diversi anni sapori molto graffianti e forti; ecco perché alcuni produttori tengono i barili di ginepro al di fuori della batteria, senza utilizzarli per rincalzare gli altri vaselli della serie.

Botte di Ginepro

Trascorsi almeno 10-15 anni, il gusto del prodotto comincia ad attenuarsi e ad assumere una personalità più elegante, con un bouquet prezioso ed inconfondibile.

L’Aceto Balsamico Tradizionale invecchiato in legno di Ginepro acquista dunque tutte queste aromaticità particolari che gli conferiscono toni speziati e quasi piccanti. Tracce evidenti di resinosità nel fondo lasciano un aroma finale elegante e suadente che invita a nuovi assaggi.

Il consiglio culinario prevede dunque di abbinare il Balsamico Tradizionale di Ginepro con carni dai sapori decisi quali la selvaggina o i filetti di manzo, battute di Fassona o ancora con fritti in generale, al fine di esaltare in maniera reciproca il piatto realizzato e l’aceto stesso.

Volete saperne di più sulle tipologie di legno utilizzate per l'invecchiamento dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP?

Clicca qui per approfondire il discorso ....